Ultime notizie
  1. Rinviata la gara contro San Salvatore Selargius
  2. Alma Patti, Marta Verona in conferenza stampa giovedi’ 18 febbraio
  3. Alma Patti, rimandata la gara contro Cus Cagliari
  4. L’exploit dell’Alma Patti del presidente Attilio Scarcella
  5. Super Alma Patti! PalaGalli espugnato a 6″ dal termine 80-81

Mini Basket

Il gioco non è un “optional” nella nostra esistenza, i bambini quando giocano, giocano seriamente: il gioco è il lavoro del bambino.

Il bambino “afferra il mondo” che lo circonda, toccando, muovendo, prendendo, manipolando oggetti, giocattoli e tutto quanto gli sta attorno. Attraverso il gioco il bambino acquisisce esperienze sociali e materiali che determinano progressivamente enormi progressi nel suo sviluppo. Siccome il Minibasket è un gioco e non è la pallacanestro in miniatura, gli Istruttori devono conoscere, quando insegnano, quali sono le sue caratteristiche.

Il Minibasket è importante per la stabilizzazione dei movimenti e dei gesti e per la variazione dei movimenti: tutto ciò favorisce la creatività, che è la capacità inventiva (capacità di risolvere le situazioni-problema che di volta in volta sono presentate dall’Istruttore), che permette di riorganizzare le abilità apprese e di arrivare a forme nuove di comportamento o di movimento.

Il bambino giocando a Minibasket da solo o con gli altri, si “munisce” di un bagaglio cognitivo, intellettivo, mentale, motorio, emotivo, che sarà la base su cui costruirà successivamente abilità motorie complesse, attraverso l’educazione e lo sviluppo delle capacità motorie. Nel Minibasket deve essere permesso a tutti i bambini di avere delle idee, di provare, di capire e di commettere degli errori, per il bambino è un’attività seria per vivere bene e crescere meglio. In palestra i bambini devono giocare a palleggiare, tirare, passare, non devono assolutamente essere specializzati tecnicamente in modo precoce: c’è tempo dopo!